Immagine: *Progetto di pace e comunità di valori europei!
*Progetto di pace e comunità di valori europei!

Progetto di pace

 

Obiettivo

La nostra nuova Europa -
con e per noi cittadini!

1.  Un'Europa democratica, svariata, in costante evoluzione, flessibile e aperta al mondo, dove noi cittadini determineremo nei referendum le questioni europee importanti che noi stessi vogliamo decidere, anche per referendum: per esempio il ruolo del nostro paese in Europa, la nuova Costituzione, l'entrata di nuovi paesi membri (Turchia, Ucraina, Bielorussia, Balcani...), l'euro/tasse euro, l'immigrazione, la Brexit, ma anche le pandemie e il cambiamento del clima! 

 

2.   Un'Europa sussidiaria, prospera e forte da Vladivostok a Reykjavik, dove coopereranno in pace tutti i paesi europei, di modo efficiente e vantaggioso per tutti i popoli in Europa, secondo la volontà di noi cittadini!

3.   Un'Europa che ci prenderà sul serio come il suo sovrano, come cittadini impegnati e emancipati, consapevoli della nostra responsabilità e come europei convinti e critici - perché nella nostra nuova Europa  noi cittadini avremo l'ultima parola - con la scheda di voto!

 

 

Cammino
 

Democratico
 - con e per noi cittadini! 

 

2021

-
2022

I. Corona reset: Our New Europe - ora!

  1. Rivolta virale dei cittadini: Millioni di cittadini domandano la nostra nuova Europa svariata e democratica!
    (manifesto democratico) 
  2. Cambio del potere/paradigma: Politici e Bruxelles utilizzano le crisi per rinfozare, diversificare e democratizzare l'Europa - per e con noi cittadini! 
 

2023

-
2030

 

II. Attuazione democratica - referendum!

  1. Referendum "Il mio paese in Europa":
    • Nel nucleo integrato o nel mercato comune o zona di libero scambio?
    • Partecipazione all'elaborazione della Costituzione?
  2. Nuova Costituzione europea:
    • Elezione Consiglio Costituzionale 
    • Ratificazione: Referendum in ogni paese partecipante
  3. Elezioni europei: Parlamento, Governo

 

 


1. Ogni crisi una chance!

Noi cittadini in tutta Europa utilizziamo le crisi dell'UE come chance per rafforzare la democrazia, la pace, la libertà, la sicurezza e il benessere in tutta l'Europa e nel mondo! - Insieme, dal basso in alto, con i referendum:

  1. La Brexit, rinforzata dalla crisi di Corona, innescherà un'ondata irrestibile di democratizzazione in tutta Europa. In un primo referendum paneuropeo, noi cittadini determeremo il ruolo del nostro paese nella nostra nuova Europa: politicamente integrata o volontariamente associata. Questo sarà il primo passo verso una cooperazione pacifica, diversificata e prospera per tutti i paesi e popoli europei.
    dddd
  2. La crisi dei rifugiati sarà superata con una politica europea dei rifugiati comune di successo, umanitaria e flessibile - mediante una nuova unione dei rifugiati di paesi europei che la pensano allo stesso modo, rafforzata da accordi volontari con il resto dell'Europa e con i paesi di origine e di transito dei rifugiati.
    ddd
  3. La crisi dell'euro sarà superata sostenibilmente con un'Unione economica, monetaria e fiscale stretta (UEM) per i paesi che desiderano integrarsi. Tutti gli altri paesi europei sono invitati ad aderire all'Area europea di libero scambio o al mercato comune / allo spazio economico (SEE; libera circolazione di beni, servizi e capitali, senza la libera circolazione delle persone e senza l'euro). La cooperazione economica intensa e il libero scambio, che ne risulteranno, porteranno prosperità e stabilità all'intero continente.
    ddd
  4. Dopo Coronanoi cittadini in ogni paese chiediamo l'immediata e accurata preparazione e pianificazione di programmi e leggi d'emergenza flessibili, efficienti, locali e nazionali, da noi approvate nei referendum, e la creazione di un'organizzazione di crisi perfettamente allenata e versata, mobilizzabile in qualsiasi momento con breve preavviso - così come una cooperazione non burocratica a livello europeo e un sistema di monitoraggio e di allarme globale efficiente e indipendente presso l'ONU / OMS per far fronte alle pandemie future.
    ddd
  5. Nella nostra nuova Europa, noi cittadini ci impegneremo in una "Alleanza democratica globale dei cittadini per il clima" a tutti i livelli politici (comune, regione, nazione e ONU) nell'ambito di un programma climatico bottom-up mondiale efficiente e sussidiario - con massimo impatto sul clima globale!
    ddd
  6. Ogni paese europeo può decidere nel primo referendum paneuropeo di partecipare alla politica estera, di sicurezza e di difesa europea comune come membro del nucleo politicamente integrato della nostra nuova Europa (art. 8 e 9 del progetto della costituzione).
    ddd
  7. Le crisi nell'Europa orientale saranno risolte in modo pacifico e democratico dai cittadini in Ucraina, Crimea e Bielorussia decidendo sul futuro del loro paese nei referendum controllati da osservatori internazionali dell'ONU/OSCE. Questo potrebbe innescare un'ondata di democratizzazione in tutta l'Europa orientale.

2. Costituzione democratica

2.1 Contenuto

La nostra nuova Europa democratica e svariata può solamente essere realizzata in modo democratico, dal basso in alto - con noi cittadini. Questa nuova Europa si baserà su una nuova costituzione, che sarà elaborata e adottata da un Consiglio Costituzionale, eletto da noi cittadini di tutti i paesi partecipanti. La nuova costituzione sarà finalmente ratificata e messa in vigore ugualmente da noi cittadini in un referendum in tutti i paesi.

 

La nuova costituzione stabilisce i termini "democrazia diretta" e "geometria variabile" della nostra nuova Europa, NNE (Our New Europe, ONE), che comprenderà: Un'unione econmica, fiscale e monetaria politicamente integrata (UEE); un mercato comune/SEE; una vasta zona di libero scambio paneuropea aperta a tutti i paesi europei; un'unione per i rifugiati europea efficace e umanitaria; e una politica estera, di sicurezza e di difesa europea comune dei paesi volenti. 

 

Sono anzitutto decisivi per questa Europa svariata e democratica - e definiti nella Costituzione - i valori e gli obiettivi comuni, i diritti e i doveri dei cittadini (diritti fondamentali e civili, tale il referendum e le iniziative popolari) e i principi della separazione dei poteri, della sussidiarità e del federalismo (nel senso di una confederazione decentralizzata). A questo proposito, questo progetto di una nuova costituzione europea si basa soprattutto sulla Costituzione della SvizzeraRispetto alla Svizzera moderna la nostra nuova Europa sarà però: 

  • Più svariata: Comprenderà molto più di culture e di lingue che la Svizzera, e i cantoni svizzeri di oggi sono certamente meno autonomi che i paesi del (nuovo) spazio economico europeo SEE / mercato comune e della zona europea di libero scambio.
    mmm
  • Meno direttamente democratica: I paesi membri della nostra nuova Europa potranno mantenere le loro istituzioni e strutture politiche nazionali molto diverse, in particolare anche la loro democrazia parlamentare (anche nel suo nucleo politicamente integrato). Tuttavia, se i loro cittadini lo richiedono, possono anche creare le condizioni affinché importanti questioni nazionali vengano decise tramite referendum.

2.2 La nostra nuova Europa e l'UE

Rispetto all’UE attuale la nostra nuova Europa sarà:

  • Più grande: Tutti i paesi fra Vladivostok e Reykjavik sono invitati a partecipare alla nostra nuova Europa secondo la decisione dei loro cittadini;
    mmm
  • Più democratica: Nella nostra nuova Europa avranno luogo regolarmente plebisciti definiti nella Costituzione, soprattutto l’iniziativa costituzionale e il referendum legislativo, come pure le elezioni democratiche del Parlamento, del Governo e del Tribunale ONE;
    mmm
  • Più svariata, meno centralizzata: Salve nel nucleo politicamente centralizzato dell'Europa, i paesi membri mantengono la loro indipendenza politica, economica, sociale e culturale; possono cionondimeno partecipare ai progetti, programmi e compiti comuni per mezzo di accordi bilaterali (p.es. nei settori rifugiati, ricerca e educazione, trasporti e comunicazione);
    mmm
  • Più sussidiaria: Nella nostra nuova Europa, non sarà trasferito a "Bruxelles" nessun compito che i paesi membri possono sbrigare altrettanto bene o anzi meglio. I cittadini decideranno quale competenze vogliono trasferire e centralizzare.

3. Referendum - spada di Damocle

3.1  Creare fiducia!

Non esiste nessuna vera democrazia senza fiducia reciproca tra lo stato e i suoi cittadini - e non esiste una via migliore per creare e rafforzare tale fiducia che i referendum, poiché:

 

Nulla rafforza tanto la democrazia, la pace e la libertà, il senso di noi cittadini di solidarietà e responsabilità democratica per la nostra Europa, la certezza di essere presi sul serio dai nostri politici, e il nostro impegno per l'Europa, come i referendum regolari, definiti nella costituzione, che daranno a noi cittadini la possibilità di decidere liberamente, dopo campagne aperte, istruttive e corrette, spesso anche veementi, ma sempre rispettose, tutte le questioni europee essenziali! - La Svizzera ne dà la prova da molto tempo tutti i tre mesi!

 

Nulla al contrario, ci offende, ci indigna e ci umilia tanto, quanto i politici che ignorano, rifiutano e lanciano o usano i referendum abusivamente per i loro propri scopi e le loro carriere, o che li ripetono, finché i risultati a loro piacciano! - Ce ne sono motlti, per sfortuna, non solo nell'UE!

 

 

3.2  Prendere responsabilità!

Tutte le tentative di "Bruxelles" e dei suoi politici di imporre la loro Europa sempre più potente e sempre più centralizzata dall'alto in basso senza consultarci nei referendum (ad es. sulla Costituzione europea 2003) o anzi contro la decisione di noi cittadini nei referendum nazionali (ad es. Francia e Paesi Bassi; contro la Costituzione 2005) falliranno in vista dell'immensa diversità culturale, politica e storica dell'Europa e della resistenza feroce di noi europei critici e convinti e cittadin impegnati e sovrani.

  

Noi cittadini dobbiamo emanciparci e assumere noi stessi la responsabilità per la nostra Europa, dando a ciascuno di noi un voto nei referendum, per potere realizzare la nostra nuova Europa dal basso verso l'alto, avendo l'ultima parola nelle questioni essenziali (p.es la costituzione, le crisi, l'ammissione di nuovi membri), controllando efficacemente i nostri politici e autorità e, se necessario, sanzionandoli - con la scheda di voto! 

 

 

I referendum emanicpano i cittadini!

Incubo per i politici professionisti e autocrati 

 

Nella nostra nuova Europa, noi cittadini avremo l'ultima parola su tutte lei questioni europee importante - e se lo chiediamo, più spesso anche a livello nazionale.
 
Con la scheda di voto come spada sempre minacciando di Damocle, disciplineremo i nostri politici e gli autocrati perché diventino veri servitori del nostro popolo!
 
I referendum ci obbligheranno ad assumere la nostra responsabilità, per noi stessi, per la nostra comunità e il nostro paese, per l'Europa e il mondo. Ci permetteranno di utilizzare le crisi, tra cui Corona e il cambiamento climatico, come un'opportunità per rafforzare l'Europa e la democrazia, la pace, la libertà, i diritti umani e dei cittadini, in Europa e nel mondo. 

 

 

4. Ce la faremo!

4.1  Milioni di cittadini impegnati!

  1. Tutti i sostenitori dell'UE che - dopo la Brexit - vogliono evitare il crollo dell'Unione europea, rafforzare l'Europa e garantire la partecipazione del proprio paese al nucleo politicamente integrato della nostra nuova Europa;
    xxx
  2. Tutti gli avversari dell'UE, che chiedono che il proprio paese possa anche lui trarre beneficio dalla cooperazione economica proficua, soprattutto nella sua grande Zona di libero scambio o nel suo Mercato comune;
    xxx
  3. Tutti i cittadini frustrati da Bruxelles,che per la prima volta si sentono presi sul serio e quindi comminciano a fidarsi ed a impegnarsi per la nostra nuova Europa;
    xxx
  4. Tutti i cittadini dell'UE che rivendicano l'ultima parola con i referendum sulle domande e le crisi più importanti europee (e forse più spesso anche nazionali) e che vogliono votare più di una sola volta ogni 5 anni (alle "elezioni europee")!

  5. Tutti gli europei non-UE che voglione anche loro partecipare alla creazione della nostra nuova Europa!

4.2  Il nostro progetto di pace

Noi milioni cittadini realizzeremo il nostro progetto di pace europeo democraticamente con i referendum - bottom-upxxx

  1. Un'Europa flessibile e prospera, che utilizzerà le sue crisi come opportunità per lanciare una cooperazione svariata e pieno di successo, che porterà benessere e vantaggi a tutti i popoli e paesi europei partecipanti!
    xxx
  2. Un'Europa svariata e democratica con e per noi cittadini, nella quale la nostra identità e i nostri valori europei rimarranno radicati nell'immensa ricchezza delle nostre culture, lingue e tradizioni! 
    xxx
  3. Un'Europa resistente alle crisi, forte, stabile e sostenibile, che splenderà in tutto il mondo come progetto di pace europeo - per la democrazia, la pace, la libertà, la dignità e i diritti umani!


  

1. Bruxelles

Come sempre: dall'alto!
EU+ rafforzata!

 

Immagine: Senza referendum? - Senza i cittadini?
Senza referendum? - Senza i cittadini?

  

2. Brexit
Indipendenza nazionale!
EU- ridotta!

 

Immagine: Referendum fuori/dentro decretato dall'alto!
Referendum decretati dall'alto!

  

3. Cittadini

Referendum: dal basso!
EU* trasformata!

 

Immagine: Pronti a battervi per la nostra Europa?
Pronti a battervi?